Al servizio di tutti i cittadini per assistenza fiscale e previdenziale...

IMU TASI

IMU sta per Imposta Municipale Propria, è stata istituita con il decreto legislativo 14 marzo 2011 n. 23. L'IMU si paga per sostenere le spese dei comuni per l'insieme dei servizi da questi erogati.
TASI invece sta per Tariffa sui Servizi Indivisibili ed è stata istituita con il comma 639 della legge di stabilità per il 2014. La TASI si paga per sostenere le spese dei comuni per i servizi cosiddetti "indivisibili", quei servizi, cioè, che per il fatto di essere usufruiti da tutti i residenti del comune, non possono essere fatti pagare direttamente al fruitore.
L’imposta sulla casa (IMU) e quella sui servizi indivisibili (TASI) sono dunque imposte comunali e vanno versate con le stesse scadenze. Entrambe hanno a che fare con gli immobili, le pertinenze e i terreni ma mentre l'IMU è un’imposta sul possesso dell'immobile, terreno o area edificabile, la TASI si deve versare per l'utilizzo dell'immobile esclusi i terreni.
Con l'esclusione dell'abitazione principale ( di categoria catastale A2, A3, A4, A5, A6 e A7), nella maggior parte dei casi si pagheranno entrambe, con la principale differenza che la TASI va versata anche dall'utilizzatore dell'immobile (inquilino, comodatario).
Imu e Tasi si pagano con bollettino di conto corrente postale o con modello F24 in due rate con scadenza il 16 giugno e il 16 dicembre dell'anno di riferimento. Il cittadino può sempre decidere di pagare tutta l'imposta con un unico versamento entro il 16 giugno.

 

Documenti necessari


• Per l’IMU:
Visura catastale o atto di acquisto o atto di donazione o copia della successione.

• Per la TASI
Visura catastale, atto notarile, contratto di affitto o altro documento da cui risulti la rendita catastale dell'immobile.

Please publish modules in offcanvas position.

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo.